Tagliolino al pesto rosso scomposto in 2 minuti

Tagliolino al pesto rosso scomposto in 2 minuti

:: Ricetta pasta - Tagliolino al pesto rosso scomposto in 2 minuti

Ricetta Pasta: TAGLIOLINO AL PESTO ROSSO SCOMPOSTO IN 2 MINUTI
Ingredienti per 4 persone:

500 grammi di pasta fresca tipo tagliolini
8 pomodori secchi sott’olio
1 spicchio d’aglio
1 manciata di pinoli
Foglie di basilico fresco
Grana Padano grattugiato q.b.
Pepe nero macinato al momento
Sale grosso per la cottura della pasta
Olio d’oliva Extra vergine di ottima qualità

Ci occupiamo oggi del formato di pasta fresca Tagliolino, che è il più delicato nella grande famiglia delle tagliatelle. Le tagliatelle sono forse il formato più utilizzato nella pasta fresca, questo dipende dal fatto, che quasi tutte le famiglie hanno in casa una macchinetta manuale per pasta. Questo utile attrezzo ci consente di stendere e calibrare la sfoglia precedentemente impastata a mano, in molteplici spessori. Questa tecnica di lavorazione della pasta fresca viene definita “laminazione”. Una volta laminata, la pasta può essere arrotolata e tagliata manualmente in varie misure di larghezza,di cui deriva il nome “tagliatelle”. Con la stessa procedura, facendo un taglio più ridotto si ricavano appunto i tagliolini. Generalmente le macchine manuali per pasta fresca in commercio vengo vendute corredate di un accessorio chiamato taglierina. Questo generalmente ha due misure di taglio, il 6 MM di larghezza, che equivale appunto a una Tagliatella e 1,5 MM che equivale al Taglierino. Ovviamente quando noi abbiamo la nostra sfoglia di pasta fresca laminata e arrotolata, ci possiamo sbizzarrire e tagliare manualmente tutte le larghezze che desideriamo. Ecco, che con la massima facilità possiamo spaziare in tutti i formati della famiglia delle Tagliatelle. Quindi, aumentando di larghezza avremo poi le Fettuccine, che generalmente hanno una larghezza sui 8 MM, aumentando ancora la larghezza di taglio possiamo ricavare la Lasagnetta, che generalmente ha una larghezza che si attesta dai 10 ai 12MM e passare poi alle Pappardelle, che in base alle varie zone d’Italia, spaziano dai 15 ai 20MM. Non male come varietà di formati partendo da un'unica sfoglia di pasta fresca. E’ utile ricordare, che con la sfoglia di pasta in questo non arrotolata, ma stesa, possiamo tagliare in maniera grossolana dei quadrotti irregolari che prendono il nome di maltagliati. Questi ultimi, anche se non hanno una precisione del taglio, risultano essere lo stesso utilizzabili in tutte quelle ricette di pasta fresca dove si potrebbe utilizzare la tagliatella. Oggi ci concentreremo sul formato di pasta fresca Tagliolino, di tutti gli altri formati ne parleremo più avanti. Lo proponiamo con una ricetta che deriva da un grande classico, ossia il pesto rosso. Noi utilizzeremo gli stessi identici ingredienti , ma non seguiremo questa laboriosa preparazione, che prevede oltretutto l’uso del mortaio. Anche con la minore tempistica riusciremo ad avere un risultato eccellente. Ecco perché chiameremo questa ricetta di pasta fresca “Tagliolino al pesto rosso scomposto.

Preparazione:

Come dicevamo prima, questa ricetta di pasta fresca tipo tagliolino, nasce come la versione veloce del classico pesto rosso. Possiamo quindi preparare il nostro sugo nel tempo di cottura della pasta, che caleremo subito in abbondante acqua salata e come vuole la tradizione della pasta fresca, con un goccio di olio d’oliva . Prendiamo un padella e schiacciamo dentro con il trita aglio lo spicchio spellato, tagliato a metà e privato dell’anima interna. Aggiungiamo poi i pomodori secchi precedentemente scollati dall’olio in eccesso e tagliati a listarelle abbastanza grossolane. Uniamo quindi anche i nostri pinoli. Tutto questo a freddo. Diamo quindi un bel giro d’olio extravergine d’oliva e accendiamo il fuoco a fiamma moderata. Nel giro di pochi minuti i pinoli cominceranno a tostare ed a emanare il profumo dei loro oli essenziali. Bene! Tutto qua! Spegniamo il fuoco e abbiamo già finito la preparazione del condimento. Si diceva appunto prima dell’estrema velocità dell’esecuzione della ricetta. A questo punto anche i nostri tagliolini potranno essere scollati e aggiunti al condimento. Spadelliamo quindi il tutto in maniera da far amalgamare i sapori per pochi istanti, aggiungendo nel caso risultasse troppo asciutto, un po’ di acqua di cottura della pasta. Questo è quasi sempre necessario, in quanto la pasta fresca tende ad asciugare molto. Impiattiamo aggiungendo una generosa grattugiata di Grana Padano, guarniamo ogni singolo piatto con delle foglioline di basilico, che andranno a profumare il tutto e diamo un ultimo giro d’olio extravergine a crudo. Buon Appetito e buona Pasta Fresca a Tutti!

:: Gargati Veneti col Consiero ::

A cura dell'ufficio stampa della Vicentia - costruzione macchine per fare la pasta